HOME PAGE
Language selection: [EN][ITA]
 
Storia :0-200 d.c.200-400 d.c.400-600 d.c.600-800 d.c.800-1000 d.c.1000-1200 d.c.1200-1400 d.c.1400-1600 d.c.1600-1800 d.c.1800-2000 d.c.
Disloc. (t.):0261430621262545101022204640948190163823276665534131070
Lung. mt.:0-1010-2525-4545-7070-100100-135135-175175-220220-270270-325325-385385-450450-520
 
 ::Relitti
 ::Mappa
 ::Biblioteca
 ::Convertitore
 ::Links
 ::Confronta
 ::Cerca
 ::News
 ::Tecnica
 ::Google Gadget
 ::Tipologie
 ::Imbarcazioni
 Amerigo Vespucci
 Andrea Doria
 Andrea Doria
 Arca di Noè
 Ark Royal
 Berlin
 Bismarck
 Candia
 Christophe De La
 Cutty Sark
 Elettra
 Estremadura
 France I
 Grande Francoise
 H.M.S. Boadicea
 H.M.S. Dreadnough
 H.M.S. Ontario
 H.M.S. Queen Mary
 H.M.S. Surprise
 H.M.S. Victory
 H.M.S. Warrior
 Henry Grace a Die
 Luna Rossa
 Madre Di Dio
 Mary Fortunata
 Mayflower
 Minas
 Nave Di Matar˛
 NiĐa
 NS Savannah
 Nuestra Senora
 Nuestra Se˝ora de
 Nuestra Senora de
 Pinta
 Polluce
 Preussen
 R.M.S. Laurentic
 R.M.S. Laurentic
 R.M.S. Lusitania
 R.M.S. Megantic
 R.M.S. Oceanic 2
 R.M.S. Olympic
 R.M.S. Queen Mary
 R.M.S. Titanic
 Rex
 Romagna
 Sèmillante
 S.S. Central Amer
 S.S. Great Britai
 S.S. Great Easter
 S.S. Great Wester
 S.S. Thistlegorm
 Santa Catalina du
 Santa Maria
 Santa Maria De La
 Santissima Madre
 Santissima Trinid
 Sao Gabriel
 Serenissima
 Seylagien
 Sirio
 Sparrow
 Thomas W. Lawson
 U.S.S. Mississipp
 Vespucci
 Vijia
 Wasa
 ::Disclaimer
 
 
Nome : Madre Di Dio (Venezia)
Data varo : 1500-00-00
Venezia
Descrizione :
Si tratta di una caracca di grandi dimensioni, fornita di quattro alberi; il pi¨ prodiero (trinchetto), sul castello di prora, era armato (come quello di maestra) di vele quadre; i due alberi di mezzana e di contromezzana avevano invece vele latine. La nave mercantile veneta, il cui modello Ŕ conservato presso il Museo Storico Navale di Venezia, fu detta, per la sua forma inconsueta, "nave pantofola". Fu per lungo tempo la dominatrice incontrastata delle grandi rotte commerciali che la Repubblica veneta mantenne con i mercati dell'Oriente e del Mediterraneo. Lo storico Charles Dielil ci ha lasciato un'immagine stupefacente della ricchezza commerciale di Venezia nel XVI secolo: "La popolazione era allora di 190.000 anime, di cui 3000 erano occupate nell'industria della seta, 16.000 in quella della lana, 17.000 nell'arsenale con le sue costruzioni navali, mentre 25.000 costituivano gli equipaggi della flotta. La Marina veneziana disponeva di 3000 navi mercantili e di 300 da guerra. II valore totale delle case di Venezia raggiungeva i 7 milioni di ducati e la zecca repubbhcana metteva in circolazione ogni anno circa un milione di ducati d'oro e un altro milione in pezzi d'argento... 11 commercio con l'Oriente era altamente remunerativo..." La nave mercantile veneta fu la nave commerciale per eccellenza, "noleggiata" anche da quei paesi di minore o df nessuna tradizione marinara. Le rotte commerciali della Serenissima, infatti, erano cosý sicure che le tariffe di assicurazione erano estremamente basse. Le galere veneziane facevano buona guardia e la stessa caracca poteva contare, in caso di pericolo, su un buon numero di cannoni e su un equipaggio addestrato per far fronte a ogni circostanza. E la grande nave, con un viaggio che era ormai df routine, si dirigeva prima di tutto verso il porto di Negroponte, sulle coste dell'Eubea, roccaforte del traffico nel Mediterraneo. Qui giunta, la Madre di Dio poteva andare verso il Mar Nero, per caricare grano, o verso Costantinopoli e Alessandria, ove arrivavano le carovane delle spezie. Oppure poteva volgere verso Creta e da qui raggiungere 1ltnisi o i porti dell'Egitto e della Siria. Pi¨ tardi, superato il terrore dell'ignoto, la caracca veneta oltrepass˛ lo stretto di Gibilterra e navig˛ lungo le coste di Spagna, di Francia, d'Inghilterra e soprattutto delle Fiandre. Il rischio era alto, ma ne valeva la pena poichÚ i profitti degli "armatori" raggiungevano a voilte il cento per cento degli investimenti. Ma nel 1498 Vasco da Gama sbarc˛ a Calicut e la scoperta portoghese della via delle Indie segn˛ la fine dell'egemonia commerciale veneta: le spezie trasportate sulla rotta del capo di Buona speranza costavano meno. Venezia non si sollev˛ pi¨ da un tal colpo.


Immagine:
Madre Di Dio
Specifiche tecniche:
Tipo: Caracca
Lung. : 39.9 mt.
Larg. : 6.5 mt.
Immers. : 5 mt.
Disloc. : 580 ton.
Stazza lorda : n.d.
Velocità : n.d.
Alberi : 4
Equipaggio : 94 uomini
Passeggeri : n.d.
BBBBBBBBBBBBBBBBB


Confronta con...

Fonti:
 TitoloIndirizzo
0.Cerca su GOOGLE[Google Search Engine]
Non disponibili.
Galleria Immagini:
MadrediDio
MadrediDio
 
    Info  |  Copyright  |  Credits